PARTENARIATO – FAIR

Fighting Against Inmates’ Radicalisation

763538 - FAIR - JUST-AG-2016/JUST-AG-2016-03 PROJECT NUMBER: 763538

  • Prevenire la radicalizzazione violenta dei detenuti.
  • Promuovere il distacco da ideologie radicali.
  • Facilitare la reintegrazione nella società.

PARTENARIATO

FAIR riunisce 10 partner da 9 paesi europei sotto la guida della Fondazione Nuovo Villaggio del Fanciullo (IT) che gestisce progetti di cooperazione internazionale in Paesi del Sud del mondo con riabilitazione e ricollocamento di soggetti con problemi di dipendenze nel mercato del lavoro, formazione, ricerca e mediazione nella giustizia penale minorile, attività di scrittura autobiografica per detenuti e supervisione di servizi per minori stranieri non accompagnati. FNVG inoltre gestisce il progetto FAIR e guida la preparazione del modello di un centro alternativo di detenzione per la riabilitazione di detenuti radicalizzati.

Lo sviluppo dei contenuti del progetto è gestito da 3 istituti di ricerca e istruzione:

Arq Psychotrauma Expert Group (NL), un’organizzazione esperta in ricerca e recupero post-trauma, che guiderà l’analisi dei bisogni dello staff delle carceri e l’analisi delle pratiche europee sulle misure di prevenzione e lotta alla radicalizzazione violenta, in collaborazione con European Institute for Crime Prevention and Control, affiliated with the United Nations – HEUNI (FI), che promuove lo scambio internazionale di informazioni sul controllo e sulla prevenzione del crimine. Il terzo partner ad occuparsi della parte contenutistica è l’Università di Malta (MT) che collabora con il carcere di Corradino nell’ambito di un programma di educazione e rinserimento per i detenuti; all’interno di FAIR, l’Università gestisce i gruppi di discussione con gli stakeholder e la creazione del programma di formazione per gli operatori delle carceri.

Il contenuto del progetto sarà diffuso attraverso la piattaforma web condivisa e il servizio di consultazione online, entrambi sviluppati da EuroCoop, Institute for European Research and Development (SI), esperto nella creazione di diverse soluzioni ICT per gruppi individuati come particolarmente vulnerabili, specialmente detenuti e Rom. EuroCoop lavora a stretto contatto con il partner responsabile della disseminazione del progetto, Social Innovation Fund – SIF (LT), un’organizzazione no-profit con esperienza in centri di accoglienza per detenuti fuori dal carcere ed esperti in supporto psicologico per gruppi a rischio come detenuti e migranti.

Il programma di formazione e la piattaforma web di raccolta e consultazione dei materiali saranno prototipati da 4 partner: